scommesse online

Quando si pensa alle scommesse sportive, è abbastanza facile intuire come quella a cui siamo abituati, soprattutto in riferimento al calcio, è legata all’1X2. Con il passare degli anni, però, l’offerta a livello di opzioni di puntata tra cui scegliere è sempre più estesa e ampia. Un esempio? Sono tantissimi gli utenti che preferiscono scommettere direttamente sulle quote che si riferiscono all’esito delle partite alla fine del primo tempo.

Ebbene, chi decide di puntare sul primo tempo di una partita non va incontro a particolari difficoltà, ma certamente anche in questo caso servirà focalizzarsi su uno studio approfondito e completo di ogni statistica, tenendo conto di come si debba fare sempre riferimento a metà partita e non ai 90 minuti complessivi. È importante notare anche come non ci siano delle statistiche standard, ma si può approfondire, ad esempio, le tendenze che caratterizzano le varie squadre alla fine dei primi 45 minuti di gioco.

Come scegliere la miglior piattaforma dove scommettere

Siccome ci sono sempre più appassionati nei confronti delle scommesse sportive, in modo particolare di quelle sul primo tempo di gioco, può essere interessante capire come valutare i migliori casinò online per poter iniziare l’esperienza di gioco sul web. È bene, ad esempio, mettere in evidenza come ci siano alcuni fattori su cui non si può proprio transigere, come la sicurezza e le relative licenza AAMS o ADM, un servizio di assistenza clienti rapido ed efficace, degli strumenti di pagamento affidabili e sicuri e un palinsesto ampio e variegato.

In termini di palinsesto, ci sono tanti portali che mettono a disposizione delle proposte veramente vantaggiose: uno dei migliori consigli da seguire è quello di dare un’occhiata su www1.bookmakerstranieri.it, che offre un aiuto particolarmente valido nella ricerca dei migliori bookmakers stranieri che si trovano sul web. In questo modo, c’è la possibilità di dare un’occhiata approfondita alle piattaforme più vantaggiose, sfruttando recensioni reali e ogni tipo di dati e informazioni dal punto di vista tecnico. Facendo un confronto tra i migliori portali stranieri legati alle scommesse, si può evitare di fare salti nel buio e di avere successivamente delle brutte sorprese nel corso dell’esperienza di gioco online.

I vari mercati dove sfruttare le scommesse sul primo tempo

Anche per quanto riguarda il primo tempo, ci sono chiaramente diverse opzioni tra cui è possibile scegliere. Quella maggiormente apprezzata da parte degli appassionati è sicuramente la 1X2 Primo Tempo, ovvero quella particolare tipologia di giocata con cui si vuole raggiungere l’obiettivo di azzeccare il pronostico sull’esito del match alla fine del primo tempo di una partita.

Tra le varie modalità che si possono sfruttare troviamo sicuramente quella Under/Over primo tempo, ovvero delle giocate in cui, allo stesso modo di quanto avviene sulla quota relativa al fischio finale, si punta sul numero di reti che vengono messe a segno nel corso del primo tempo da parte delle squadre che scenderanno in campo. Nella maggior parte dei casi, vengono proposti Under/Over da 0.5, 1.5 e 2.5. Il medesimo discorso, tra l’altro, si può fare anche per la giocata goal/no goal relativa al primo tempo. In questo caso, l’obiettivo è quello di azzeccare il pronostico sul fatto che le due squadre vadano entrambe a segno durante il primo tempo oppure no.

Un meccanismo che si ritrova molto semplicemente anche nella puntata 1X2 Handicap sul primo tempo, senza dimenticare il pari/dispari oppure la doppia chance sempre sul primo tempo. Non possono mancare anche altre quote decisamente interessanti, come risultato esatto sul primo tempo, somma goal, segna gol ospite e segna gol casa.

Quali sono le statistiche e i sistemi da utilizzare

Come abbiamo già avuto modo di sottolineare, c’è la possibilità di puntare praticamente su qualsiasi cosa, comprese le frazioni di partita, anche se quella più affascinante resta inevitabilmente quella riferita al primo tempo di gioco. Il riferimento non è solamente al calcio, ma anche ad altri sport: proviamo a pensare, ad esempio, alla pallacanestro, dove ci sono ben quattro quarti, non tenendo conto di eventuali supplementari, su cui è possibile scommettere.

Ciascun campionato, è vero, presenta le sue caratteristiche e le sue tendenze particolari e, di conseguenza, ciascuna squadra presenta anche delle specificità di cui tener conto. Dando un’occhiata alla Serie A, ad esempio, ci si può facilmente accorgere di come ci siano delle differenze in termini di rendimento che, per quanto riguarda alcune compagini, sono davvero molto evidenti. Ed ecco che, nella realizzazione dei pronostici su cui poi scommettere, si tratta di una mole di statistiche che torna veramente utilissima.

Proviamo a considerare una squadra che ha vinto gli ultimi nove scudetti consecutivi. Ebbene, nel corso dell’ultima stagione, ad un certo punto la Juventus si trovava in testa a quota 77 punti, con 24 vittorie, 5 pareggi e solamente 4 sconfitte. Tenendo conto solamente di primi tempi, però, è interessante notare come la Vecchia Signora avrebbe racimolato solamente 58 punti, frutto di 13 vittorie, 19 pareggi e una sola sconfitta. In poche parole, tutto questo significa che una delle capacità di quella squadra guidata in panchina da Maurizio Sarri, il cui posto è stato preso alla fine dell’estate dall’esordiente Andrea Pirlo, è stata quella di uscire sempre e comunque alla distanza, facendo spesso la differenza nel secondo tempo.

Di conseguenza, chi ha intenzione di cominciare a puntare sulle quote relative al primo tempo, dovrebbe prendere in considerazione quelle squadre che hanno dimostrato maggiore facilità nello sbloccare i match già alla fine dei primi 45 minuti. Una di queste, sempre facendo riferimento alle statistiche fatte registrare nel corso dell’ultima stagione è l’Inter. Una delle squadre che hanno saputo fare meglio nei primi tempi, visto che hanno ottenuto ben 67 punti, che sono arrivati da 20 vittorie, 7 pareggi e 6 sconfitte alla fine dei primi 45’ di gioco. Andando a guardare, poi il rendimento effettivo al termine dei match della squadra guidata in panchina da Antonio Conte, si può notare come, con 71 punti, sia più o meno lo stesso di quello evidenziato alla fine del primo tempo. Tra gli altri dati di cui si può tener conto in riferimento a queste puntate è senz’altro la differenza reti, ovvero quella tra i gol mesi a segni e quelli subiti nell’arco dei primi 45’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *